Riorientarsi



Ogni volta che devo riorientarmi faccio due cose: compro alberi e torno alla poesia, qualora fossi stata così scellerata da abbandonarla per un po’. Ora si dà il caso che è autunno, giusto la stagione di piantare alberi e che l’intendimento fusionale del mio approccio alla lettura, vada un minimo riorganizzato se non altro per evitare di girare a vuoto tra un libro e l’altro.

La poesia romantica è universale e progressiva. Il suo fine non è soltanto quello di riunire nuovamente tutti i separati generi poetici, e di porre in contatto la poesia con la filosofia e la retorica (…) Essa vuole, e deve anche, ora mescolare e ora separare poesia e prosa, genialità e critica, poesia d’arte e poesia ingenua, render viva e sociale la poesia, poetica la vita e la società, poetizzare lo spirito. Tutta la storia della poesia moderna è un continuo commento al breve testo della filosofia. Ogni arte deve diventare scienza e ogni scienza arte. Poesia e filosofia devono essere unite.

— Fredrich Schlegel

Come a volte mi accade quando mi perdo in queste fasi un po’ caotiche dei miei procedimenti, anche stavolta mi sono arrivate in soccorso due cose ragguardevoli anche se agli antipodi: l’incontro con il concetto di poesia trascendentale elaborato da Karl Wilhelm Friedrich von Schlegel (1772 -1829) e l’incontro autunnale con il mio vivaista che ha pensato bene di rendere disponibili all’acquisto quest’anno un folto numero di alberi di specie diverse ma tutti molto giovani, perciò non costosissimi, trasportabili e piantabili non troppo disagevolmente.

Confidavo in realtà che l’accrescimento delle querce, provenienti dalle ghiande piantate in vaso durante il lockdown tra aprile marzo di quest’anno (ne parlo qui) fosse sufficiente per interrare le piantine, ma mi è stato fortemente sconsigliato, e stavolta mi tocca obbedire, se non voglio rischiare di farle fuori. Così ho desistito e mi sono messa a leggere un libriccino molto interessante che non c’entra nulla con quello che devo studiare ora, Dialogo sulla poesia di Fredrich Schlegel, ho chiuso per un po’ e per quanto possibile tutti i file aperti, e ho iniziato a fare avanti e indietro dal vivaio indecisa su quale fosse l’albero giusto da comprare questo autunno.

Così leggendo di questa poesia trascendentale e della genealogia duplice dell’albero del gelso mi vedo comparire sotto gli occhi proprio quelle dubbie analogie che dalla tensione tra frammentazione e ricomposizione, portano verso un’apertura che proprio perché di tipo paradossale, alla fine si dimostra imprevedibilmente saggia. Karl Wilhelm Friedrich von Schlegel è stato un filosofo, critico e storico della letteratura, ma più di tutto aveva il pallino della poesia. Avversario letterario di Goethe e Schiller sodale di Novalis e Tieck, fu promotore con il fratello Wilhelm August, che era “solo” un filosofo, di Athenäum (1798-1800) rivista-manifesto del romanticismo di Jena, che si presentò come teoria e prassi letteraria d’avanguardia, opera collettiva di una ristretta cerchia di letterati che avevano posto le basi di una nuova poetica figlia di un’arte incorruttibile ma sempre in grado di adeguarsi ai tempi. Questo dice il risvolto di copertina di Dialogo sulla poesia edito proprio quest’anno da Cicorivolta Edizioni. (E di questo singolare editore bisognerebbe parlare a parte).

Al vivaio frattanto il primo albero che compro è un gelso rosso. Non quello dei bachi, cioè il bianco, che non resistendo tornerò comunque a comprare due giorni dopo, apprendendo così che le due varietà di gelso vivono di scopi e significati totalmente diversi. Diversità che però è definita solo dal colore dei loro frutti, in quanto per il resto sono piante identiche. I due gelsi, il bianco e il rosso, come i fratelli Schlegel, l’uno appassionato di poesia, l’altro più orientato verso la filosofia, vivono nella loro essenza il senso duplice, e soltanto apparentemente contraddittorio, espresso dalla poesia e dalla filosofia trascendentale: cioè quello di una poesia che porta con sé la consapevolezza del proprio intrinseco significato (e questo è sufficiente a se stesso) allo stesso modo in cui la filosofia trascendentale si occupa e illustra le modalità secondo le quali gli oggetti sono conosciuti.

Photo by Quang Nguyen Vinh o

Se non fosse esistito il gelso bianco, non avremmo mai potuto conoscere la seta, e vestircene, tessuto che a voler guardare il suo intrinseco significato è quello di rivestire di vita arborea e animale, più di tutte le altre stoffe, i corpi umani. Cosa bellissima almeno fin quando l’allevamento dei bachi si svolgeva nel rispetto della vita e dei cicli produttivi di quegli animali. Se non fosse esistito il gelso rosso, la mitologia greca sarebbe orfana di uno dei suoi miti più belli e sanguinosi quello di Piramo e Tisbe. Per non dire della storia di Giulietta e Romeo che Shakespeare copiò proprio da quel mito il quale fu raccontato in modo tanto trascendentale da Ovidio da diventare il paradigma dell’amore estremo che si getta nella morte pur di rimanere eterno.

Sara Cardone a conclusione della sua bellissima prefazione a Dialoghi sulla poesia scrive: “Il genio poetico romantico è ancora in fieri: questa è la sua essenza, che può solo eternamente divenire, mai essere compiuto. Esso non può essere esaurito da nessuna teoria e solo una critica divinatoria potrebbe osare caratterizzarne l’ideale. Il genere poetico romantico è infinito, come è anche il solo a essere libero, riconoscendo che l’arbitrio del poeta non ha al di sopra alcuna legge che lo sovrasti”.

I due gelsi li faccio piantare domani, uno di fronte alla finestra del salone, quello rosso, e l’altro di fronte alla finestra della camera da letto, quello bianco. Dimenticavo l’ultima cosa che mi ha convinto in un lampo a comprarli entrambi: il gelso è considerato da Plinio “albero sapientissimo” perché è l’ultimo a sbocciare ed il primo a maturare il frutto, in questo modo evita i dannosi effetti del freddo intempestivo e i frutti restano poi a lungo sui rami. Se non è saggezza trascendentale questa.

Grazie al direttivo SIL!

Martedì 10 novembre la Società Italiana delle Letterate ha ratificato e reso operativo il mio ingresso nell’attuale direttivo.  Ringrazio la presidente Elvira Federici e le altre componenti: Marta Cariello, Maristella Lippolis, Loredana Magazzeni, Gabriella Musetti, Donatella Saroli. L’invito mi inserisce nel momento in cui la carica si è resa vacante per via di un membro dimissionario. Questa ulteriore possibilità di partecipazione mi ha portato a riflettere sulla mia effettiva efficacia nel ricoprire un ruolo attivo in SIL svolgendo un servizio così importante come quello legato alla comunicazione, tuttavia non discostandomi dalle ricerche, dai temi e dai linguaggi che mi appartengono da sempre, come quelli della critica letteraria e della poesia.

È un’identità di orizzonti quella che mi ha spinto a accettare di fare parte del direttivo SIL, la quale si basa su interessi comuni forti come quello legato alla questione problematica e annosa del canone letterario nel mondo dell’istruzione scolastica, allo studio delle genealogie femminili in ambito storico e letterario e all’interesse nelle frontiere di sostenibilità realisticamente raggiungibili per tutte e tutti, attraverso lo studio del pensiero ecofemminista. Sono questi i temi che mi spingono a credere di poter svolgere, insieme a questo direttivo, un lavoro di promozione del femminile davvero condiviso e fertile.

L’incarico oltre che onorarmi mi rende profondamente conscia dell’importanza e della responsabilità di un ruolo, come quello che mi si propone, cioè legato alla rappresentazione e comunicazione di SIL. Perciò fortemente impegnato sull’accuratezza di un linguaggio che rispecchi una pratica e una politica che a partire dalle modalità espressive e relazionali nonché dai temi scelti, renda evidente per contrasto quanto la disparità di genere e sociale si nutra di linguaggi, luoghi comuni e pigrizie culturali che creano mondi e relazioni su presupposti ogni giorno più irrealistici.

Concordemente al direttivo ritengo che in questo momento così difficile per tutte e tutti, la SIL possa e debba avvalersi dei molti contenuti, pratiche relazionali  e energie  che in venticinque anni  le socie hanno saputo mettere in circolo per affrontare e rappresentare la sfida proposta dalla complessità di ogni momento presente. È questa capacità che ha reso la SIL oggi più che mai riconoscibile  in quanto ente accreditato nella produzione creativa femminile in ambito italiano e internazionale, nonché nella cura, studio e promozione delle pratiche femministe. 

Per Carlo Bordini

Il ricordo più vivido che ho di Carlo Bordini è seduti a un tavolo di una trattoria i cui avventori eravamo solo lui ed io, nella cucina poco distante c’era gente che litigava in modo furibondo. Io avevo appena terminato una delle mie tirate tutte di un fiato. Gli raccontavo del perché avessi deciso di costituire autonomamente un fondo librario per dialogare con le scuole in quella provincia un po’ disgraziata. Lui si trovava lì con me perché attraverso Contemporanea Fondo Librario aveva appena partecipato a un incontro con ragazzi e ragazze di un liceo scientifico della zona che era anche il liceo in cui avevo studiato io

Era uno dei primi incontri che organizzavo e sarà stata l’emozione, o la stanchezza, ma dopo la mia tirata in quella trattoria, mi sono messa a piangere nella sala vuota mentre il litigio infuriava nelle cucine. Bordini non disse nulla. Prese la mia copia de “Il costruttore di vulcani” e si mise a disegnare sulla prima pagina del libro

Poi ci sono state molte altre occasioni di sentirci e di vederci. E di confrontarci sulla sua opera. Ci sono state molte occasioni in cui Carlo Bordini non ha esitato un attimo a supportare Contemporanea con la partecipazione della sua poesia e della sua persona alle mie iniziative

Stamattina quando ho acceso il cellulare, alla notizia della sua morte l’ho spento. Ed è rimasto spento quasi tutto il giorno perché mi è sembrato che stare zitti e non sentire nessuno fosse l’unica cosa fattibile. Ma poi mi sono ricordata di una delle sue poesie, quella che amo di più I gesti, di cui abbiamo parlato spesso. Così ho deciso di scrivere questo post perché stavolta non mi va di sbagliare gesto

I GESTI

di Carlo Bordini

Persone i cui gesti sbagliati tremano

un po’

Persone i cui gesti sbagliati. Ci sono persone

per cui

fare gesti è una cosa

difficilissima. Provano e

riprovano i loro

gesti sbagliati, e quando uno riesce sembra che tutti

riescano, ma la fila

più lunga è quella dei gesti

sbagliati, [che

fila interminabile!!

I gesti maldestri ripetuti

dopo tanti anni, i gesti

ripetuti per tanti

anni, i gesti comici,

i gesti un po’ suicidi.

i gesti interlocutori. I gesti

che non si fanno capire, le richieste

di aiuto

non accettate,

le richieste

maldestre,

continuate. le

richieste

suicide. I gesti goffi

un po’ vergognosi, blasfemi. I gesti

altezzosi, I

gesti

che non hanno peso o valore perché

maldestri, i gesti

tranquillamente maldestri, abitudinari,

i gesti

ironici.

I gesti

rassegnati

I gesti consapevolmente

goffi,

consapevoli

di essere

maldestri e goffi,

I gesti che

contengono

un’implicita

scusa

e quelli che fingono

di essere superbi

I gesti che

sanno

che non c’è niente da fare.

I gesti

silenziosi

che si

appartano

I gesti orgogliosamente

ben poco destri

I gesti di chi sa di essere maldestro

e fa dei gesti

per

allontanarsi

per non

figurare

I gesti

rassegnati

I gesti infastiditi

di chi sa di

essere goffo e di essere

considerato maldestro

I gesti straniti

di chi non sa bene

quello che fa

i gesti indispettiti

che chiedono solitudine

Oppure il gesto maldestro

definitivo, quello di non

comunicare più

di partire per la tangente per la propria

solitudine

e non comunicare più

più più

i tic

i piccoli tic

i gesti che cercano di allontanare

qualcuno

immaginato o

immaginario

il sapersi

giudicati

[da tutti]

il sapere che i propri gesti

sono

giudicati

I gesti di chi sente dentro

una debolezza

che gli rende difficile fare

qualsiasi gesto

il gesto silenzioso

come se volesse che gli altri capissero

ciò di cui ha bisogno

senza bisogno di muoversi

il gesto di non fare

nessun gesto

I gesti

immaginari

l’immaginare

di fare

un gesto

i gesti sott’acqua

fare dei gesti sott’acqua

indicando alla gente che passa

ma nessuno scopre il tuo dito

che si muove sott’acqua

I gesti estranei

c’è sempre qualcuno che guarda

i gesti che si fanno

e stabilisce che sono

maldestri folli pazzi goffi gratuiti

ridicoli

osservabili

c’è sempre qualcuno che stabilisce

che sei troppo magro

troppo grasso

un po’ troppo silenzioso

poco coerente,

un po’ strano

un po’ disturbato. [(detto

a voce bassa).],

un tipo poco

pratico

volenteroso ma

troppo solitario,

troppo introverso

troppo poco pratico

troppo poco sociale,

I gesti che evitano

la gente. I gesti che evitano

di esser visti. I gesti

che coprono, che cercano

di coprire.

I gesti che proteggono

istintivamente la faccia,

la testa le mani

la bocca, anche se

inconsapevoli

I tic

i tic un po’ ridicoli

I gesti inutili

La paura dei rumori. Il

desiderio

di non esser visti, il gesto

di coprirsi, il

desiderio di nascondersi, il

gesto di

coprirsi la testa. I gesti

di chi

ha la testa

da un’altra parte, il

gesto di coprirsi

la testa, la faccia,

la bocca, i gesti

illibati. I pensieri

illibati, i pensieri

candidi, virginali, illibati.

i gesti che fanno

il male senza saperlo


Nel 2017 ho avuto occasione di scrivere per “il lavoro culturale” un articolo che avrebbe introdotto un evento a lui dedicato presso la biblioteca consorziale di Viterbo. Di seguito l’introduzione e il link. Il pezzo uscì pochi giorni prima, l’evento andò benissimo, c’era moltissima gente, come capitava tutte le volte in cui Bordini presentava i suoi libri. Quel giorno a Viterbo Carlo vendette un sacco di copie ed era felice come un bambino.   


Con “Memorie di un rivoluzionario timido” (Luca Sossella Editore, 2016) il poeta Carlo Bordini si pone, anche dal punto di vista dello storico quale in effetti è, un interrogativo aperto sugli aspetti meno frequentati di quella rivoluzione che all’inizio degli anni Sessanta, a partire dal boom economico, dilaga in tutti gli aspetti della società civile italiana. Il risultato è un libro che esige un dialogo ulteriore con quanto è ancora rimasto vivo del senso della nostra provenienza collettiva. Qui l’articolo

Una recensione di Sara Marsico su Vitamine Vaganti

Marsico

SARA

Grazie infinite a Sara Marsico e al sito Vitamine Vaganti Toponomastica Femminile per questa lunga e empatica recensione a Il libro di tutti e di nessuno. Elena Ferrante un ritratto delle italiane del XX secolo

Più volte ci è capitato di fermarci a riflettere su certe affermazioni e reazioni delle protagoniste dei romanzi di Ferrante, anche dei primi tre che, come suggerisce Scarinci, si differenziano in parte dagli ultimi. Spesse volte si è avuta la tentazione di approfondire e fissare con lo scritto alcuni spunti e richiami di memoria che affioravano nella nostra mente, a proposito dei comportamenti delle nostre madri, di noi figlie, di alcune figure maschili di volta in volta prepotenti, sleali, oppure dolci e quasi sottomesse. Molti pensieri sono scaturiti in noi come corollari di quelli espressi dall’autrice invisibile, proprio come suggeriscono il titolo e le riflessioni di Viviana Scarinci, il cui saggio è un’indispensabile guida alla lettura consapevole dei romanzi, dei saggi e degli articoli di Ferrante. Leggi tutto
Dall’editoriale del n.87 della rivista online di Giusi Sammartino “La scrittura femminile, femminista e politica di Elena Ferrante, sulla quale troppo si è discusso, offuscandone proprio la sua corporalità, il suo essere anche corpo, è analizzata in un testo scritto con maestria da Viviana Scarinci e che l’autrice dell’articolo ci fa amare e riflettere”. Leggi tutto

Con Titti Marrone 5 novembre ore 18 diretta facebook libreria IoCiSto Napoli

Giovedì 5 novembre alle 18 Viviana Scarinci, autrice di “Il libro di tutti e di nessuno. Elena Ferrante, un ritratto delle italiane del XX secolo“, sarà in dialogo con la giornalista e scrittrice Titti Marrone ospiti della Libreria Io Ci Sto.


La presentazione è aperta a tutti e si terrà live sulla pagina Facebook della libreria: https://www.facebook.com/libreriaiocisto

Titti Marrone 15 ottobre sul Mattino:


“Il gioco del rispecchiamento letterario messo in campo da Viviana Scarinci è vario e complesso, ed ha le sue pagine più convincenti dove si riflette sui punti di contatto con l’ottica di Anna Maria Ortese. Per entrambe (Ortese e Ferrante ndr) in ballo c’è sempre il conflitto tra natura e ragione”
  • Iacobelli editore
  • Pagine : 216
  • Data di pubblicazione : ottobre 2020
  • Isbn : 9788862526272
  • Euro 16,00

evento facebook https://www.facebook.com/events/680203455970508/